Triplo Minimo

Triplo Minimo

Il Triplo Minimo è la figura di analisi tecnica che si contrappone al Triplo Massimo.

Come il triplo massimo, anche il triplo minimo non è molto frequente, ma allo stesso tempo, quando si presenta sui grafici, offre ottime opportunità di invesrimento.

Formazione del Triplo Minimo

figura di inversione triplo minimoIl Triplo Minimo è una figura di inversione che si presenta al termine di un trend ribassista e suggerisce un’imminente inversione del trend in atto.
Il pattern è composto da tre minimi consecutivi sul medesimo livello ( o quasi ).

Il Triplo Minimo somiglia moltissimo al Testa e Spalle Rovesciato, con l’unica differenza che il minimo centrale (la testa) è più alta e giace sullo stesso livello degli altri due minimi (le spalle).

Gli altri aspetti grafici (neckline, il comportamento dei volumi e il brack out) sono del tutto simili al comportamento del Triplo Massimo, ma con implicazioni inverse.

Come operare con il Triplo Minimo

Una volta riconosciuto il pattern dovremo inserire un ordine di apertura alla rottura della linea del collo.

E’ essenziale operare con un broker che assicuri una ottima esecuzione in quanto la velocità dei prezzi nell’istante della rottura aumenta notevolmente.
Purtroppo non tutti i broker riescono ad eseguire con precisione chirurgica questo tipo di ordini.

Due tra i migliori broker in questo campo sono:

Cliccando sui link qui sopra potrai leggere una recensione dei broker

Target e Stop del Triplo Minimo

Se l’ordine va a mercato dovremo inserire il take profit e lo stop loss.
Come nel caso del Triplo Massimo, dovremo calcolare l’altezza della figura (distanza minimo-neckline) e riportarla in bassoalto partendo dal punto di rottura della neckline.

E’ possibile ovviamente gestire la posizione in profitto con altri strumenti di gestione del rischio come trailing stop o altro.

Lo Stop Loss va inserito qualche punto sotto il livello dove giaciono i tre minimi.